L'Ordine e le sue Istituzioni

Home L'Ordine e le sue Istituzioni Governo Bandiere

Bandiere

 

La bandiera di Stato

La bandiera rettangolare rossa con croce latina bianca è la bandiera di Stato del Sovrano Militare Ordine di Malta. Detta di San Giovanni, questa bandiera è di uso antichissimo. Nella storia dell’Ordine di Giuseppe Bosio (pubblicata nel 1589), leggiamo che già nel 1130 Papa Innocenzo II decretò “che la Religione in guerra portasse uno stendardo con croce bianca in campo rosso”. Nel XIII secolo l’uso della croce latina si diffonde nell’Ordine. La bolla di Papa Alessandro IV del 1259 permette ai Cavalieri l’uso in guerra di una sopravveste rossa a croce latina bianca. Nel 1291 l’Ordine lascia la Terra Santa e, trasferendosi a Cipro, scopre la sua vocazione marinara. Da questo momento lo stendardo della cavalleria diventa la bandiera delle navi, e lo rimarrà per ben sei secoli. Oggi la bandiera di Stato sventola sul Palazzo Magistrale dell’Ordine a Roma, ed accompagna il Gran Maestro ed i membri del Sovrano Consiglio nelle visite ufficiali.

 

La bandiera delle opere

La bandiera rossa con la croce ottagona bianca è la bandiera delle opere dell’Ordine. L’uso della croce ottagona è altrettanto antico nell’Ordine di quello della croce latina, e deriva dagli antichi legami dell’Ordine con la Repubblica di Amalfi. La sua presente forma data più di 400 anni. Il primo chiaro riferimento ad una croce ad otto punte si trova sulle monete del Gran Maestro Fulk de Villaret (1305-1319). Questa è la bandiera utilizzata dai 6 Gran Priorati, 5 Sottopriorati, dalle 47 Associazioni Nazionali e dalle oltre 100 missioni diplomatiche dell’Ordine. Sventola inoltre su ospedali, centri medici, ambulatori, e là dove operano i corpi di soccorso, le fondazioni e le strutture specializzate dell’Ordine di Malta.

 

La bandiera di Sua Altezza il Gran Maestro

La bandiera rossa con la croce ottagona bianca contornata dal Collare sostenuto da una corona è la bandiera personale del Gran Maestro. Viene issata sul Palazzo Magistrale, o nelle residenze magistrali dell’Ordine, ad indicarne la sua presenza.

 

 

 

 

Torna a Governo

Inizio pagina